Menu

albicocche

Albicocco: Moniliosi

Monilia laxa, Monilia fructigena

moniliosi

arrow TIPO DI PATOGENO: Fungo

arrow BIOLOGIA: La conservazione avviene per mezzo dei frutti mummificati sia ancora pendenti che caduti a terra. In minor misura contribuiscono il micelio presente nei cancri rameali e i conidi, liberi o riuniti nei caratteristici cuscinetti (muffa).

arrow ORGANI VEGETALI SOGGETTI ALL'ATTACCO: Rami, foglie, fiori, frutti

arrow SINTOMATOLOGIA: Sui rami si formano tacche depresse, allungate o rotondeggianti, che in breve tempo si fessurano longitudinalmente, con formazione di cancri che portano alla morte rapida della porzione distale dell'organo colpito, talvolta così rapidamente che le foglie e i fiori non hanno tempo di distaccarsi. I fiori attaccati imbruniscono e disseccano, le infiorescenze si disarticolano e cadono. Sui frutti si può avere marciume bruno, marciume nero e marciume del cuore. Il marciume bruno si manifesta con un'area rotondeggiante, spesso centrata su una ferita, di colore bruno, su cui si differenziano cuscinetti giallo-ocra, in cerchi concentrici (Muffa a circoli). Il frutto o si disintegra rapidamente o si trasforma in mummia, disidratandosi ed acquisendo aspetto legnoso. Il marciume nero si ha quando l'infezione rimane in forma larvata e non si forma muffa all'esterno. Nel marciume del cuore l'infezione si localizza intorno ai semi: i frutti si colorano più rapidamente e cascolano.
Sulle drupacee è molto più frequente Monilia laxa, che è attiva già alle temperature basse e colpisce i fiori prima dell'apertura.

arrow DANNO: Gli attacchi ai rametti causano profonde lesioni corticali cui fa seguito la morte dei rami infetti. Inoltre si ha riduzione di produzione per la presenza di frutti mummificati.

Difesa fitosanitaria

Monilia - difesa con metodo integrato

Epoca e modalità

Mezzi di controllo

Note

Agronomico:
• effettuare irrigazioni equilibrate ed assicurare sempre il drenaggio delle acque in eccesso;
• limitare le concimazioni azotate;
• durante la fase di riposo vegetativo asportare e bruciare le mummie ed i rami infetti.

   

Chimico:
• a bottoni rosa;
• un secondo trattamento non oltre la fase di postallegagione al verificarsi di condizioni predisponenti.

• bitertanolo (4)
• tebuconazolo (4)
• fenbuconazolo (4)
• propiconazolo (4)
• fludioxonil + cyprodinil
(5)
• cyprodinil
• fenexamid
• pyraclostrobin + boscalid (5)

Al massimo 2 interventi annui contro questa avversità.
(4) Al massimo 2 interventi annui con gli IBE, indipendentemente dall’avversità.
(5) Al massimo 2 interventi annui indipendentemente dall’avversità.

Monilia - difesa con metodo biologico

Fase fenologica

bottoni rosa - allegagione

Modalità di campionamento e soglia di intervento

Campionamento: - verificare durante le operazioni di potatura invernale la presenza di mummie e di rami infetti; Soglia di intervento: - effettuare in tutti gli albicoccheti (sani o già infetti) due trattamenti cautelativi nelle fasi fenologiche indicate.

Interventi complementari

  • effettuare irrigazioni equilibrate ed assicurare un buono sgrondo delle acque in eccesso;
  • non eccedere nelle concimazioni azotate;
  • durante le operazioni di potatura invernale asportare e bruciare le mummie ed i rami infetti e potare per ultime le piante colpite.

Principi attivi, ausiliari e altri mezzi

• composti rameici (a) (h) • bicarbonato di sodio (b) + olio di paraffina • zolfo • zolfo + silicato di sodio (b)

Note

Non usare i composti rameici in prossimità della fioritura, ma opportunamente distanziati da essa.

(a) la necessità d’utilizzazione di tale sostanza deve essere riconosciuta dall’organismo di controllo.
(b) possono essere impiegati in agricoltura biologica purché non vengano utilizzati come prodotti fitosanitari (circ. MIPAF n. 8990634 del 06.05.98)
(h) il limite massimo di rame metallico per ettaro consentito Ŕ di 8 kg/anno fino al 31 dicembre 2005. Tale quantitativo sarÓ portato a 6 kg/anno a partire dal 1 gennaio 2006.