Menu

logo PSR

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 - Misura 125

sottomisura 1: gestione delle risorse idriche ad uso prevalentemente irriguo

In questa pagina il referente della Misura ed il Responsabile di Asse daranno una risposta ai vari quesiti ricevuti a mezzo mail o tramite il numero verde dell'Assessorato (800881017), nel caso in cui tali quesiti rivestano un carattere di interesse generale o ricorrente.

Il parere espresso rappresenta il punto di vista del Responsabile stesso e in nessun caso può essere vincolante per l'Amministrazione né sostituire in alcun modo quanto espressamente previsto dai Bandi.

Domande

freccina Relativamente al paragrafo "7- Regime di incentivazione", assodato che ciascun Consorzio può ottenere un finanziamento dell'importo massimo di € 11 milioni (IVA esclusa), si chiede di sapere se ognuno potrebbe, comunque, presentare alla verifica della commissione progetti per un importo superiore ad € 11 milioni, senza incorrere in esclusioni dal finanziamento [25.05.2012]

freccina I paragrafi "6. Requisiti di ammissibilità" ed "11. Presentazione della domanda di aiuto e documentazione richiesta", prevedono che i soggetti destinatari del finanziamento alleghino, tra l'altro, il parere favorevole dell'Autorità di bacino territorialmente competente per i casi previsti dalle rispettive discipline normative/o misure di salvaguardia. Alla luce di quanto riportato dai due predetti paragrafi, si chiede, nel caso un progetto non ricadesse nelle fattispecie in cui è necessario ottenere il parere dell'Autorità di Bacino, se sarebbe corretto, come sembra consequenziale, non barrare la casella "Parere dell'Autorità di Bacino" riportata nel Formulario tra gli allegati, Tale ipotesi è supportata, peraltro, dalla possibilità offerta dall'ultima delle dichiarazioni, ex art. 46 e 47 dei DPR n. 445/2000, da allegare al formulario, vale a dire: "Che sull'area oggetto dell'intervento non esistono vincoli da parte dell'Autorità di Bacino". [25.05.2012]

freccina Si chiede di conoscere quale debba essere la documentazione necessaria a soddisfare i! fattore di valutazione del paragrafo 9, c.2.2 "Applicazione tariffa a consumo a seguito dell'intervento". [25.05.2012]

freccina Paragrafo "9. Criteri di selezione", nel rappresentare che i Consorzi dispongono dei dati catastali delle superfici particellari e non delle relative SAU, si chiede se sia possibile che queste ultime vengano calcolate, per l'area irrigata oggetto dell'intervento, come percentuali, per esempio del 95%, dì quelle catastali, magari variabili a seconda dei casi. [25.05.2012]

freccina Paragrafo "10, Modalità e tempi di esecuzione dei progetti", si chiede di sapere se sia possibile che i Consorzi elaborino due cronoprogrammi, di cui uno sarebbe quello di progetto che riportasse i tempi delle sole fasi delle lavorazioni ed un altro del procedimento riguardante l'intera procedura, di durata non superiore a 700 giorni, calcolati dalla notifica della concessione di aiuto. [25.05.2012]

freccina Al paragrafo "11. Presentazione della domanda di aiuto e documentazione richiesta", si legge che tra la documentazione richiesta debbano essere incluse, tra l'altro: a) documentazione grafica e descrittiva delle aree effettivamente beneficiate dai servizio irriguo oggetto dell'intervento proposto, b) elenco delle ditte beneficiate dal servizio irriguo oggetto dell'intervento proposto riportante: il nominativo, il Comune, il foglio, le particelle catastali e la SAU. Orbene, facendo anche riferimento alla terminologia usata per i piani particellari di esproprio, sembrerebbe che la "documentazione descrittiva" del predetto punto a) sia la medesima dell'elenco indicato al predetto punto b). Si chiede, quindi, conferma di tale interpretazione. [25.05.2012]

freccina Si chiede di chiarire se il limite dei due progetti per un totale di € 11.000.000,00 è relativo solo al bando approvato con DDR n. 22 del 02/04/2012 oppure riguarda l'intero ciclo di programmazione del PSR 2007-2013. [25.05.2012]

freccina È stato richiesto allo STAPA - CEPICA di Salerno di aggiornare il Fascicolo aziendale con l'inserimento in esso degli impianti irrigui gestiti da questo Ente ed intestati al Demanio Regionale od a quello dello Stato. Tanto premesso, si segnala che non è stato possibile effettuare l'inserimento dei predetti dati in quanto alla voce "Tipo di conduzione" non è prevista l'opzione "gestore" od altra equivalente. Si chiede, quindi, di dare indicazione sul modo di procedere in merito a quanto in parola. [21.06.2012]

freccina Le particelle catastali da inserire sia nel campo C2.P1.M5 e sia C2.P1.M10 del Formulario, ascendono, per quanto riguarda il progetto di interesse di questo Ente, a molte centinaia. E stato notato che oltre un certo numero di inserimenti, circa 120, i due predetti campi si confondono tra loro. Si chiede, quindi, di dare indicazione sul modo di procedere in merito a quanto in parola. [21.06.2012]

freccina Questo Consorzio intende effettuare la ristrutturazione dei "canali maestri" ai quali per gli effetti del R. D. 12 ottobre 1933 n. 1539 non sono state attribuite rendite catastali e/o particelle. Come bisogna comportarsi ai fini del corretto inserimento nella sezione del formulario C2.P1. M5. e nel fascicolo aziendale? [04.07.12]

freccina Nel caso di ristrutturazione di condotte già esistenti, dove esistono servitù su terreni di proprietà di terzi, le stesse vanno riportate nel fascicolo aziendale e nel formulario? [04.07.12]

freccina Il campo C2.P1.M5 del formulario riporta tra gli elementi da inserire obbligatoriamente anche il dato riferito alla "sezione" che negli atti catastali dell'Agenzia del Territorio non sempre è riportata. Si chiedono indicazioni circa la corretta compilazione del predetto campo nel formulario? [04.07.12]

freccina Il campo C3.P1.M30 dell'ultima versione del formulario , richiede, tra l'altro il "PUI", in merito al quale si richiedono delucidazioni. [04.07.12]

freccina Nella pagina del formulario in cui il rappresentante legale dell'Ente chiede, sottoscrivendola, di partecipare al bando in argomento, viene indicata, tra gli allegati, l'stanza di finanziamento. Si chiede di conoscere se detta istanza non sia rappresentata proprio dalla predetta pagina del formulario di richiesta di partecipazione. [04.07.12]

freccina Si chiede di conoscere se le aree riportate nel campo C3.P2.M10 "Macro area di intervento" del formulario debbano riferirsi: a) alle superfici del campo C2.P1.M5 del formulario; b) alle superfici del campo C2.P1.M10 del Formulario; c) alle superfici indicate nel bando al paragrafo "Documentazione richiesta" per le "ditte beneficiate dal servizio irriguo", d) alla somma delle superfici riportate in tutti o in alcuni dei predetti punti a+b+c. [04.07.12]

freccina Nella costituzione del "Fascicolo Aziendale", allo scopo di evitare la digitazione manuale di migliaia di particelle catastali (ossia di tutte le particelle che risultano essere di proprietà o gestite da) Consorzio nell'ambito dell'intero comprensorio consortile), è possibile, ai fini della partecipazione ai bando di cui trattasi, limitare l'inserimento alle sole particelle di proprietà o gestite dal Consorzio comprese nel comprensorio irriguo interessato all'intervento? [04.07.12]

freccina Il punto C2.P1.M5 del Formulario, già oggetto di un precedente quesito e riscontro, continua a non essere chiaro allo scrivente cosa debba intendersi per "elementi catastali delle superfici interessate all'intervento che risultano essere di proprietà o gestite dal richiedente". Precisamente, facendo riferimento ad un intervento dì ristrutturazione e ammodernamento di una rete irrigua esistente, si chiede se detti "elementi catastali..." debbano essere riferiti: a) all'intero comprensorio irriguo servito dalla rete da ristrutturare e ammodernare; b) alle sole superfici che sono divenute di proprietà o nella gestione del Consorzio a seguito della realizzazione delle opere che oggi si intende ristrutturare e ammodernare. [04.07.12]

freccina Al punto C2.P1.M30 del Formulario, non è chiaro cosa debba intendersi per "Macroarea" atteso che, nell'analoga sezione C3.P2.M10 del Formulario, viene indicata esplicitamente "Macroarea -Intervento". [04.07.12]

freccina Al punto C3.P2.M10 del Formulario, sì chiede di sapere se la "Superficie" delle aree Al, A2, etc. debba essere riferita alla superficie topografica o ad altro tipo di superficie. [04.07.12]

freccina Al punto C3.P2.M10 del Formulario, sì chiede di sapere se debbano essere riportati anche i dati relativi agli asservimenti [19.07.12]

freccina È possibile importare dati all'interno del formulario, da altri software di gestione e/o banche dati? [19.07.12]

freccina I Consorzi di Bonifica quale forma giuridica e natura giuridica devono indicare nella fase di registrazione al portale PSR? [19.07.12]

freccina È stata attivata dalla Regione Campania per i beneficiari una forma di assistenza per la compilazione dei formulari e della domanda di aiuto? [19.07.12]

freccina Ai fini del calcolo del numero di beneficiari dell'intervento proposto di cui la specifica a pagina 8 del bando, come bisogna operare per fornire la corretta indicazione del numero dei beneficiari? [19.07.12]

freccina Come bisogna procedere ai fini del conteggio nel caso in cui l'azienda beneficiata dal servizio irriguo non possiede il fascicolo aziendale? [06.08.12]

freccina Si chiede di chiarire se il riferimento all'articolo 6 comma 11 relativo alla procedura abilitativa semplificata ed alla dichiarazione semplice, richiamati al "punto 4" della "documentazione richiesta" del paragrafo 12 del bando della misura 125 sottomisura 1 pubblicato sul BURC n. 23 del 6 maggio 2013, sono riferiti al d.lgs 29 dicembre 2003 n. 387 oppure al D.lgs 3 marzo 2011 n. 28. [25.06.13]

Risposte

freccinaRelativamente al paragrafo "7- Regime di incentivazione", assodato che ciascun Consorzio può ottenere un finanziamento dell'importo massimo di € 11 milioni (IVA esclusa), si chiede di sapere se ognuno potrebbe, comunque, presentare alla verifica della commissione progetti per un importo superiore ad € 11 milioni, senza incorrere in esclusioni dal finanziamento.

I Consorzi di bonifica potranno presentare progetti per importi anche superiori al limite degli 11 Meuro indicato nel bando, ma comunque, ad un singolo beneficiario non potranno essere finanziati più di due progetti per un importo complessivo del finanziato non eccedente euro 11.000.000,00 (IVA esclusa).

freccia sopra Torna sopra


freccinaI paragrafi "6. Requisiti di ammissibilità" ed "11. Presentazione della domanda di aiuto e documentazione richiesta", prevedono che i soggetti destinatari del finanziamento alleghino, tra l'altro, il parere favorevole dell'Autorità di bacino territorialmente competente per i casi previsti dalle rispettive discipline normative/o misure di salvaguardia. Alla luce di quanto riportato dai due predetti paragrafi, si chiede, nel caso un progetto non ricadesse nelle fattispecie in cui è necessario ottenere il parere dell'Autorità di Bacino, se sarebbe corretto, come sembra consequenziale, non barrare la casella "Parere dell'Autorità di Bacino" riportata nel Formulario tra gli allegati, Tale ipotesi è supportata, peraltro, dalla possibilità offerta dall'ultima delle dichiarazioni, ex art. 46 e 47 dei DPR n. 445/2000, da allegare al formulario, vale a dire: "Che sull'area oggetto dell'intervento non esistono vincoli da parte dell'Autorità di Bacino".

 Il richiedente, qualora il progetto non rientrasse nelle fattispecie in cui è necessario acquisire il parere dell'Autorità di Bacino territorialmente competente, procederà nella compilazione del formulario non spuntando la casella relativa al "Parere dell'Autorità di Bacino". In questo caso, lo stesso, provvederà, a pena di esclusione della domanda di aiuto, a rilasciare apposita dichiarazione ai sensi  degli ex art. 46 e 47 dei DPR n. 445/2000.

freccia sopra Torna sopra


freccina Si chiede di conoscere quale debba essere la documentazione necessaria a soddisfare i! fattore di valutazione del paragrafo 9, c.2.2 "Applicazione tariffa a consumo a seguito dell'intervento".

Per poter beneficiare del punteggio relativo alla sottocategoria c.2.2 il richiedente dovrà allegare tra gli elaborati la delibera della Deputazione amministrativa del Consorzio di Bonifica nella quale sono individuate le aree nella quali il sistema di tariffazione applicato sarà trasformato  "a consumo", con indicazione della data di attivazione del servizio, che dovrà essere immediatamente successiva alla data di messa in esercizio dell'impianto. Nella sopra richiamata delibera la Deputazione dovrà inoltre dichiarare la consapevolezza che l'inosservanza dei termini indicati potrebbe determinare la revoca del finanziamento e la restituzione del contributo assentito.

freccia sopra Torna sopra


freccinaParagrafo "9. Criteri di selezione", nel rappresentare che i Consorzi dispongono dei dati catastali delle superfici particellari e non delle relative SAU, si chiede se sia possibile che queste ultime vengano calcolate, per l'area irrigata oggetto dell'intervento, come percentuali, per esempio del 95%, dì quelle catastali, magari variabili a seconda dei casi.

Relativamente alle aree irrigate oggetto dell'intervento i dati sono riferiti alla SAU e rappresentano un elemento della progettazione che non deve essere sottovalutato. I richiedenti nell'elaborazione del progetto dovranno avere cura di indicare la SAU dell'area irrigata oggetto dell'intervento e non la percentuale calcolata rispetto ai dati catastali.

freccia sopra Torna sopra


freccinaParagrafo "10, Modalità e tempi di esecuzione dei progetti", si chiede di sapere se sia possibile che i Consorzi elaborino due cronoprogrammi, di cui uno sarebbe quello di progetto che riportasse i tempi delle sole fasi delle lavorazioni ed un altro del procedimento riguardante l'intera procedura, di durata non superiore a 700 giorni, calcolati dalla notifica della concessione di aiuto.

Modalità e tempi per l'esecuzione dei progetti sono disciplinate dalle Disposizioni Generali per l'attuazione delle Misure del PSR 2007-2013 e comunque il collaudo e la rendicontazione dell'iniziativa non possono essere considerate a parte e/o appendice delle fase di realizzazione dell'opera. Pertanto, il beneficiario nella redazione del cronoprogramma dovrà tener conto anche delle fasi di autorizzazione,  collaudo e rendicontazione delle spese per la realizzazione dell'opera.

freccia sopra Torna sopra


freccinaAl paragrafo "11. Presentazione della domanda di aiuto e documentazione richiesta", si legge che tra la documentazione richiesta debbano essere incluse, tra l'altro: a) documentazione grafica e descrittiva delle aree effettivamente beneficiate dai servizio irriguo oggetto dell'intervento proposto, b) elenco delle ditte beneficiate dal servizio irriguo oggetto dell'intervento proposto riportante: il nominativo, il Comune, il foglio, le particelle catastali e la SAU. Orbene, facendo anche riferimento alla terminologia usata per i piani particellari di esproprio, sembrerebbe che la "documentazione descrittiva" del predetto punto a) sia la medesima dell'elenco indicato al predetto punto b). Si chiede, quindi, conferma di tale interpretazione.

La documentazione richiesta al punto a) deve contenere prioritariamente documentazione grafica  e descrittiva riferita alla SAU delle aree effettivamente beneficiate dai servizio irriguo oggetto dell'intervento proposto. Al punto b)  invece, la SAU è soltanto uno degli elementi di dettaglio richiesti.

freccia sopra Torna sopra


freccina Si chiede di chiarire se il limite dei due progetti per un totale di € 11.000.000,00 è relativo solo al bando approvato con DDR n. 22 del 02/04/2012 oppure riguarda l'intero ciclo di programmazione del PSR 2007-2013.

Il limite, di due progetti per complessivi € 11.000.000,00, esplicitati all'art. 7 del bando PSR della Misura 125.1, è riferito all'intero ciclo di programmazione (salvo diverso orientamento dell'A. di G. che potrà riservarsi di assumere con il prossimo bando). .

freccia sopra Torna sopra


freccinaÈ stato richiesto allo STAPA - CEPICA di Salerno di aggiornare il Fascicolo aziendale con l'inserimento in esso degli impianti irrigui gestiti da questo Ente ed intestati al Demanio Regionale od a quello dello Stato. Tanto premesso, si segnala che non è stato possibile effettuare l'inserimento dei predetti dati in quanto alla voce "Tipo di conduzione" non è prevista l'opzione "gestore" od altra equivalente. Si chiede, quindi, di dare indicazione sul modo di procedere in merito a quanto in parola.

In attesa dell'eventuale inserimento nel menù "tipi di conduzione" di uno specifico caso ad esempio "gestore", è possibile utilizzare nella sezione "conduzione", l'opzione "concessione e locazione di beni immobili demaniali", indicando come "documento" relativo alla concessione il Regio decreto 215/03 e la Legge regionale 4/03, così come chiarito da Agea con propria nota.

freccia sopra Torna sopra


freccinaLe particelle catastali da inserire sia nel campo C2.P1.M5 e sia C2.P1.M10 del Formulario, ascendono, per quanto riguarda il progetto di interesse di questo Ente, a molte centinaia. E stato notato che oltre un certo numero di inserimenti, circa 120, i due predetti campi si confondono tra loro. Si chiede, quindi, di dare indicazione sul modo di procedere in merito a quanto in parola.

Il problema segnalato è stato comunicato alla sezione informatica che provvederà, dopo le verifiche, a risolvere le eventuali criticità. Si coglie l'occasione per precisare che nel campo C2.P1.M5 del formulario, i richiedenti dovranno riportare esclusivamente gli elementi catastali delle superfici interessate all'intervento che risultano essere di proprietà o gestite dal richiedente, mentre nel campo C2.P1.M10 dovranno essere riportate tutte le aree che saranno oggetto di esproprio per la realizzazione dell'intervento.

freccia sopra Torna sopra


freccinaQuesto Consorzio intende effettuare la ristrutturazione dei "canali maestri" ai quali per gli effetti del R. D. 12 ottobre 1933 n. 1539 non sono state attribuite rendite catastali e/o particelle. Come bisogna comportarsi ai fini del corretto inserimento nella sezione del formulario C2.P1. M5. e nel fascicolo aziendale?

Le particelle che rientrano nel disposto del R.D. 12 ottobre 1933 n. 1539, prive di riferimenti catastali non identificabili nel fascicolo aziendale non saranno riportate nella Sezione C2.P1.M5 del formulario.

freccia sopra Torna sopra


freccina Nel caso di ristrutturazione di condotte già esistenti, dove esistono servitù su terreni di proprietà di terzi, le stesse vanno riportate nel fascicolo aziendale e nel formulario?

La servitù di passaggio non determina il possesso o la proprietà della particella, pertanto, la stessa non andrà riportata nel fascicolo aziendale e tanto meno nel campo C2.P1.M5 del formulario. È consigliabile inserire, tra gli atti di progetto, un elenco degli asservimenti già esistenti  interessati dall'intervento.

freccia sopra Torna sopra


freccina Il campo C2.P1.M5 del formulario riporta tra gli elementi da inserire obbligatoriamente anche il dato riferito alla "sezione" che negli atti catastali dell'Agenzia del Territorio non sempre è riportata. Si chiedono indicazioni circa la corretta compilazione del predetto campo nel formulario?

Quando non sono disponibili i dati riferiti alla Sezione, il campo specifico andrà valorizzato con il numero 0.

freccia sopra Torna sopra


freccina Il campo C3.P1.M30 dell'ultima versione del formulario , richiede, tra l'altro il "PUI", in merito al quale si richiedono delucidazioni.

Effettivamente nell'ultima versione del formulario è comparso il "PUI" che comunque non riguarda la Misura 125.1, pertanto si sta provvedendo ad effettuare la modifica al fine di oscurare il campo, che non deve essere compilato.

freccia sopra Torna sopra


freccina Nella pagina del formulario in cui il rappresentante legale dell'Ente chiede, sottoscrivendola, di partecipare al bando in argomento, viene indicata, tra gli allegati, l'stanza di finanziamento. Si chiede di conoscere se detta istanza non sia rappresentata proprio dalla predetta pagina del formulario  di richiesta di partecipazione.

Sì, l'istanza di finanziamento richiamata tra gli allegati è la pagina del formulario sottoscritta dal rappresentante legale dell'Ente nella quale chiede di partecipare alla selezione per il finanziamento del progetto.

freccia sopra Torna sopra


freccina Si chiede di conoscere se le aree riportate nel campo C3.P2.M10 "Macro area di intervento" del formulario debbano riferirsi: a) alle superfici del campo C2.P1.M5 del formulario; b) alle superfici del campo C2.P1.M10 del Formulario; c) alle superfici indicate nel bando al paragrafo "Documentazione richiesta" per le "ditte beneficiate dal servizio irriguo", d) alla somma delle superfici riportate in tutti o in alcuni dei predetti punti a+b+c.

Le aree riportate nel campo C3.P2.M10 "Macro area di intervento" del formulario sono riferite, per ogni macroarea, alla somma delle superfici così come indicato al punto d) del quesito

freccia sopra Torna sopra


freccina Nella costituzione del "Fascicolo Aziendale", allo scopo di evitare la digitazione manuale di migliaia di particelle catastali (ossia di tutte le particelle che risultano essere di proprietà o gestite da) Consorzio nell'ambito dell'intero comprensorio consortile), è possibile, ai fini della partecipazione ai bando di cui trattasi, limitare l'inserimento alle sole particelle di proprietà o gestite dal Consorzio comprese nel comprensorio irriguo interessato all'intervento?

La fase di costituzione del fascicolo aziendale prevede che vengano riportate all'interno di esso tutte le particelle di proprietà o in possesso dell'Ente. Il fascicolo aziendale deve essere aggiornato e validato ogni volta che interviene una variazione rispetto a quanto riportato nel fascicolo.

freccia sopra Torna sopra


freccina Il punto C2.P1.M5 del Formulario, già oggetto di un precedente quesito e riscontro, continua a non essere chiaro allo scrivente cosa debba intendersi per "elementi catastali delle superfici interessate all'intervento che risultano essere di proprietà o gestite dal richiedente". Precisamente, facendo riferimento ad un intervento dì ristrutturazione e ammodernamento di una rete irrigua esistente, si chiede se detti "elementi catastali..." debbano essere riferiti:
      a) all'intero comprensorio irriguo servito dalla rete da ristrutturare e ammodernare;
      b) alle sole superfici che sono divenute di proprietà o nella gestione del Consorzio a seguito della realizzazione delle opere che oggi si intende ristrutturare e ammodernare.

È corretta l'interpretazione del punto b).

freccia sopra Torna sopra


freccina Al punto C2.P1.M30 del Formulario, non è chiaro cosa debba intendersi per "Macroarea" atteso che, nell'analoga sezione C3.P2.M10 del Formulario, viene indicata esplicitamente "Macroarea -Intervento".

Il punto C2.P1.M30 del Formulario è riferito alle informazioni di carattere generale dell'Ente beneficiario, mentre la sezione C3.P2.M10 è specifica dell'area di intervento.

freccia sopra Torna sopra


freccina Al punto C3.P2.M10 del Formulario, sì chiede di sapere se la "Superficie" delle aree Al, A2, etc. debba essere riferita alla superficie topografica o ad altro tipo di superficie.

Superficie topografica

freccia sopra Torna sopra


freccina Al punto C3.P2.M10 del Formulario, sì chiede di sapere se debbano essere riportati anche i dati relativi agli asservimenti.

No. Al punto C3.P2.M10 del formulario vanno riportate solo le particelle relative ad aree che saranno oggetto di esproprio.

freccia sopra Torna sopra


freccina È possibile importare dati all'interno del formulario, da altri software di gestione e/o banche dati?

No. Non è possibile i dati all'interno dei campi del formulario devono essere digitati.

freccia sopra Torna sopra


freccina I Consorzi di Bonifica quale forma giuridica e natura giuridica devono indicare nella fase di registrazione al portale PSR.?

Il sistema contempla la natura e forme giuridiche previste dal Sistema Statistico Nazionale – dell'Istituto Nazionale di Statistica. I Consorzi di Bonifica ai fini della registrazione al portale PSR dovranno indicare tra le forme disciplinate dal diritto pubblico: "Consorzio di diritto pubblico" (paragrafo 2.7)

freccia sopra Torna sopra


freccina È stata attivata dalla Regione Campania per i beneficiari una forma di assistenza per la compilazione dei formulari e della domanda di aiuto?

Per la consultazione dei formulari si rinvia alla sezione download del sito: psragricoltura@regione.campania.it/; oppure è possibile contattare il numero verde 800881017.

freccia sopra Torna sopra


freccina Ai fini del calcolo del numero di beneficiari dell'intervento proposto di cui la specifica a pagina 8 del bando, come bisogna operare per fornire la corretta indicazione del numero dei beneficiari?

Alla pagina 8 del bando della misura 125.1 è indicato: il numero delle utenze (ditte catastali) effettivamente beneficiarie del servizio irriguo oggetto dell'intervento (…). Nella fase di conteggio occorre sempre far riferimento al numero di aziende agricole beneficiarie dell'intervento proposto. Più precisamente dovranno essere conteggiate tutte le aziende interessate dall'intervento identificabili a mezzo CUAA ed in possesso del previsto fascicolo aziendale.

freccia sopra Torna sopra


freccina Come bisogna procedere ai fini del conteggio nel caso in cui l'azienda beneficiata dal servizio irriguo non possiede il fascicolo aziendale?

Con decreto dirigenziale regionale n. 67 del 30/07/2012, pubblicato sul sito della Regione Campania anche nelle pagine dedicate alla Misura, sono state apportate modifiche alle Disposizioni Generali del PSR e al bando della Misura 125.1. In ogni caso per le aziende beneficiate dall'intervento che non sono in possesso del fascicolo aziendale è sufficiente il CUAA. Pertanto, il previsto elenco delle aziende beneficiate dal servizio irriguo oggetto dell'intervento (…) richiamato nella "Documentazione richiesta" (pag. 12 del bando) oltre le altre informazioni richieste, a fianco del nominativo dovrà recare anche il CUAA dell'azienda.

freccia sopra Torna sopra


freccinaSi chiede di chiarire se il riferimento all'articolo 6 comma 11 relativo alla procedura abilitativa semplificata ed alla dichiarazione semplice, richiamati al "punto 4" della "documentazione richiesta" del paragrafo 12 del bando della misura 125 sottomisura 1 pubblicato sul BURC n. 23 del 6 maggio 2013, sono riferiti al d.lgs 29 dicembre 2003 n. 387 oppure al D.lgs 3 marzo 2011 n. 28.

L'articolo 6: "Procedura abilitativa semplificata e comunicazione per gli impianti alimentati da energia rinnovabile", ed il relativo comma 11, richiamati al "punto 4" del sottoparagrafo "Documentazione richiesta" del paragrafo 12, sono riferiti al D.lgs del 3 marzo 2011 n. 28.

freccia sopra Torna sopra