Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

PSR 2007-2013 - Rapporto di Valutazione Intermedia


logo psr

l Programma di Sviluppo Rurale della Campania, in conformità a quanto disposto dal Regolamento (CE) 1698/2005 prevede una valutazione ex-ante, intermedia ed ex-post finalizzate a migliorare la qualità, l’efficienza e l’efficacia dell’attuazione del Programma stesso, nell’intento di misurare il suo impatto in rapporto agli orientamenti strategici comunitari ed ai problemi specifici di sviluppo rurale della Campania, con particolare riguardo alle esigenze dello sviluppo sostenibile ed all'impatto ambientale.

La valutazione intermedia e la valutazione ex post, conformemente a quanto disposto all’articolo 86 del Regolamento (CE) 1698/2005, analizzano il grado di utilizzazione delle risorse, l'efficacia e l'efficienza della programmazione del FEASR, il suo impatto socioeconomico e l'impatto sulle priorità comunitarie.

Nel 2010 è stato elaborato, tra l’altro, da parte del Valutatore e presentato alla AdG e ai membri del CdS il Rapporto di Valutazione Intermedia 2010 il quale si articola, coerentemente con le indicazioni a riguardo fornite dal Quadro Comunitario di Monitoraggio eValutazione (Linee di orientamento B – capitolo 7) nei seguenti punti:

1. Sintesi

2. Introduzione

3. Contesto della Valutazione: obiettivi e strategia del Programma; analisi delle tendenze in atto sulla base dell’aggiornamento degli Indicatori iniziali ("baseline").

4. Approccio metodologico: obiettivi e approcci di analisi; sistema di indicatori; attività di scambio e di "messa in rete " della valutazione.

5. Descrizione del programma, delle Misure e del “bilancio”: il Sistema di gestione del PSR; qualità e funzionamento del sistema informatico del PSR; criticità del processo di attuazione del PSR ed azioni intraprese per il loro superamento; pianificazione delle risorse finanziarie; analisi generale della strategia di intervento; analisi della coerenza dei Criteri di selezione; la strategia di intervento nel settore del tabacco; gli strumenti di progettazione integrata (i PIF);

6. Analisi della “logica di intervento” e la risposta alle Domande valutative, sulla base di una prima analisi degli effetti e della stima di indicatori (capitolo articolato per Asse e per Misura).

7. Conclusioni e raccomandazioni: coerenza tra misure attuate e obiettivi perseguiti; grado di raggiungimento degli obiettivi prioritari e specifici del Programma; raccomandazioni e proposte di adattamento.

Il Rapporto di Valutazione Intermedio 2010 è stato aggiornato dal Valutatore indipendente al 2013 ed è disponibile nel box a destra.