Prodotti tradizionali

Fagioli tabaccanti di Casalbuono

Areale di produzione: Vallo di Diano - comune di Casalbuono (SA)

Il seme di questo ecotipo presenta una forma tipicamente rotondeggiante, piccole dimensioni e un colore bianco.

Generalmente la distanza sulla fila è di 4-5 cm e tra le file di 40-50 cm. Il suo ciclo si conclude in circa due mesi. Data la brevità del ciclo colturale, il fagiolo a Casalbuono si inserisce bene come coltura intercalare. è frequente la successione del fagiolo a un cereale autunnale a raccolta precoce (orzo). A Casalbuono nel caso di coltura intercalare la cosa più importante non è l'accurata preparazione del terreno ma la rapidità di semina per guadagnare tempo: ottimi risultati si ottengono con la lavorazione minima o, addirittura, con la non lavorazione; nel primo caso si tratta di seminare dopo un rapido passaggio di erpice o di zappatrice, nel secondo di seminare sul terreno sodo (stoppie di cereale, ossia " 'nda ristoccia"). La "ristoccia" rappresenta il campo con i residui della mietitura del cereale autunno-vernino che ha preceduto il fagiolo. Il campo viene prima irrigato, per permettere un generale ammorbidimento del terreno e dopo un riposo di 3 giorni è possibile affrontare la semina dopo aver preparato i solchi per raccogliere i semi.

La semina viene effettuata a mano (cu'chiantatur) nel mese Giugno La sgranatura, avviene dopo la completa essiccazione dei baccelli sulla pianta e quindi per 2-3 giorni su teloni, al sole. Quindi avviene la battitura con bastoni di legno e la successiva esposizione alla ventilazione naturale per allontanare i residui di baccelli. Viene quindi effettuata una cernita manuale con il "cernicchio". I semi vengono essiccati all'aria; la conservazione avviene in sacchetti di tela, in luoghi freschi e ventilati. I materiali e le attrezzature utilizzati per la coltivazione sono molto semplici e rudimentali tipicamente presenti nell'agro-tecnica locale.

Fagioli tabaccanti di Casalbuono