Prodotti tradizionali

Patata di Trevico

Territorio interessato alla produzione

Comune di Trevico (AV)

Descrizione sintetica prodotto

Prodotto consumato fresco ottenuto dalla coltivazione di varietà Spunta, Kennebec, Monalisa, Marabel , Draga, Desiree coltivate nel territorio del Comune di Trevico che presentano all'atto dell'immissione in commercio le seguenti caratteristiche: forma ovale od ovale allungata, con colore della buccia giallo o rossa, pasta di colore giallo, pezzatura e dimensioni compresa tra i 40 e i 150 mm, con umidità compresa tra 75 e 85 per 100 grammi di prodotto edibile, con un contenuto minimo di amido di 10g per 100 grammi di prodotto edibile con un contenuto minimo di fosforo di 500 mg/kg. Non si procede all'irrigazione in nessuna delle fasi di coltivazione, il che, assieme alla elevata escursione termica giornaliera, conferisce alla polpa un minore contenuto in acqua in favore di un più alto contenuto in amidi, nutrienti e sali minerali. La qualità superiore del prodotto ottenuto dipende dal terreno e dall'andamento climatico; infatti il terreno è siliceo e calcareo, quindi adattissimo alla coltura delle patate.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, condizionamento, stagionatura

Il lavoro di aratura profonda, non meno di 35 cm viene effettuata nei mesi di settembre o ottobre, in modo che gli agenti atmosferici invernali disgregano le zolle più grosse. Nel mese di marzo seguono le lavorazioni di affinamento del terreno, quindi erpicatura se necessaria e fresatura preferibilmente con motozappa; segue una lieve concimazione azotata. Il periodo di messa a dimora del tubero è compreso tra il 15 marzo e il 15 aprile di ciascun anno, la messa a dimora può essere fatta sia meccanicamente che manuale. Durante il periodo di accrescimento è necessario effettuare una sarchiatura e successivamente una rincalzatura. La raccolta viene fatta tra il 15 agosto e il 15 settembre, la raccolta può essere fatta sia meccanicamente che manuale. È evitata la monosuccessione; si pratica la successione con colture cerealicole.

Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione

normali attrezzature manuali e meccanizzate per la coltivazione delle ortive.

Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive

La coltivazione della patata a Trevico è testimoniata da documentazione storica, infatti tali documenti evidenziano che le patate erano coltivate già nel 1810. Infatti l'allora segretario generale della Società Agraria, l'agronomo dr. Cassitto, nel suo discorso inaugurale per l'incarico ricevuto, sottolineò che nel comune di Trevico aveva introdotto qualche anno prima la coltivazione delle patate per far fronte alla fame. A distanza di qualche anno lo stesso Cassitto ritornò a Trevico e rilevò che la coltivazione della patata era pratica diffusa tra i contadini del posto, in tal modo il popolo di Trevico aveva risolto il problema della fame avendo attribuito alla patata l'alimento di quel popolo. Di seguito si riporta una testimonianza dello stesso Agronomo, trascritta in un suo documento a seguito di una visita effettuata a Trevico nel 1818, in tale documento fotografa la situazione che trova a Trevico " il minuto popolo ben vestito, meglio vestito, e lieto oltremodo…………. e gli abitanti del posto gli avevano detto che avevano preso alimento da quel bulbo prezioso" , nello stesso documento si riscontra anche un'attività commerciale, infatti viene documentata la vendita di patate per un profitto di circa 4000 ducati.

segnaposto