Prodotti tradizionali

Pomodoro Fiaschello di Battipaglia

Territorio interessato alla produzione

comuni della Piana del Sele: Battipaglia, Bellizzi, Capaccio, Albanella, Altavilla Silentina, Eboli, Montecorvino Pugliano, Pontecagnano

Descrizione sintetica prodotto

Forma della bacca stretta al colletto per poi allargarsi alla parte distale, da cui il nome; colore rosso intenso a maturazione, lunghezza della bacca 7-8 cm, peso compreso fra i 45 ed i 65 grammi. Il frutto ha duplice attitudine, sia per il consumo fresco che per la trasformazione industriale.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, condizionamento, stagionatura

La forma di allevamento prevalente, dato l'habitus della varietà, è in verticale con tutori verticali e fili orizzontali; oltre alle normali pratiche colturali, vengono eseguite, a mano, la sfemminellatura, la cimatura apicale, la sfogliatura e la cimatura del palco fiorale con riduzione del numero delle bacche. La raccolta avviene fra metà luglio e metà settembre, in modo scalare. La resa media è di 700-750 qli/ha; la resa industriale è circa dell'80%.

Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione

normali attrezzature manuali e meccanizzate per la coltivazione delle ortive.

Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive

Il pomodoro fiaschello è stato introdotto da Napoli agli inizi del '900 ed è stato coltivato in mopdo intensivo negli anni dal 1940 al 1980, per l'industria conserviera del polo nocerino-sarnese, per poi essere soppiantato dagli ibridi moderni per l'industria.

segnaposto