psr logoProgramma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Progetto VALFOCAM
Capofila ATS: Universita' degli Studi di Napoli Federico II - Dipartimento di Agraria


Corso Umberto I, 40 - 80138 Napoli

0812531111

ateneo@pec.unina.it

Valorizzazione Foraggi Campani

Responsabile tecnico scientifico

Antonio Di Francia

Sintesi del progetto

L’obiettivo del POI è incrementare l’efficienza degli allevamenti e migliorare la qualità della mozzarella di bufala e del fiordilatte bovino utilizzando nuovi miscugli foraggeri ad alta incidenza di leguminose. La durata del progetto è di 36 mesi.

Fase 1, (WP1). Produzione di foraggi: I miscugli foraggeri in collaudo, unitamente al loietto quale foraggera di controllo, saranno seminati per 2 anni, per validare i risultati agronomici. Per ogni foraggio saranno determinate le produzioni/ha, la fertilità residua del suolo e l’idoneità a fienagione e insilamento.

Fase 2, (WP2). Valutazione alimentare dei foraggi: I fieni e gli insilati prodotti saranno utilizzati in prove di alimentazione su bufale e bovine per valutarne gli effetti su quantità e qualità del latte. I foraggi saranno inclusi nelle diete comunemente utilizzate dagli allevatori (I anno) e in diete ad alto contenuto in foraggio (60-75-85 %) (II anno). Sul latte bufalino saranno eseguite analisi genotipo – fenotipo (WP4).

Fase 3 (WP2 e WP3). Valorizzazione dei prodotti caseari (mozzarella di bufala e fiordilatte bovino). Saranno confrontate le caratteristiche nutrizionali e organolettiche di latte e formaggi ottenuti utilizzando diete standard e diete ad alto contenuto in foraggio.

Fase 4 (WP5). Analisi economiche: (i) valutazione dei costi di produzione dei foraggi; (ii) individuazione delle diete che massimizzano il reddito aziendale; (iii) determinazione della propensione dei consumatori a pagare per formaggi ottenuti mediante diete ad alto contenuto in foraggio.

Fase 5. Divulgazione delle prove in corso e dei risultati finali. Risultati attesi. La proposta consentirà di innalzare la quota foraggera della razione consentendo di: (a) ridurre l’acquisto di concentrati ; (b) potenziare la fertilità dei suoli; (c) incrementare l’ecosostenibilità delle aziende; (d) migliorare la qualità della mozzarella di bufala, del fiordilatte e del latte bovino (e) migliorare il reddito degli agricoltori.

Partner del Progetto

  • Universita' degli Studi di Napoli Federico II - Dipartimento di Agraria (capofila)
  • Azienda Agricola Antonio Pacifico
  • Eredi di Gaetano Iemma S.S.Agricola
  • Università degli Studi della Basilicata

Avvisi pubblici

News ed eventi

--