psr logoProgramma di Sviluppo Rurale 2014-2020

logo del progetto

Progetto DiCoVaLe
Capofila ATS: Centro per la Ricerca Applicata in Agricoltura


Via G. Porzio c/o Centro Direzionale Isola A/6 - Napoli

081 7967347

www.dicovale.it

centro@pec.craa.it

Diversità, conservazione e valorizzazione delle specie legnose da frutto autoctone campane

Responsabile tecnico scientifico

Carmine Guarino

AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO COLLETTIVO

azioni mirate

  • a.1 Conservazione in situ/on farm delle RGV autoctone a rischio di estinzione
  • a.2 Conservazione ex situ delle RGV autoctone a rischio di estinzione
  • a.3 Conservazione ex situ e/o in situ/on farm delle RGV autoctone
  • a.4 Caratterizzazione morfofisiologica, delle RGV autoctone campane
  • a.5 Caratterizzazione agronomica delle RGV autoctone campane
  • a.6 Caratterizzazione biochimica e chimico-fisica, nutrizionale delle RGV autoctone campane
  • a.7 Caratterizzazione genetico-molecolare delle RGV autoctone campane
  • a.8 Caratterizzazione enologica dei vitigni
  • a.9 Recupero del materiale di riproduzione/moltiplicazione delle RGV autoctone
  • a.10 Aggiornamento ed implementazione della banca dati www.genidellacampania.it

Azioni concertate

  • Scambio di informazioni con altri organismi competenti, sia nazionali che di altri Stati membri, in materia di:
  • conservazione ex situ ed in situ delle RGV autoctone, (anche con riferimento alle Reti di conservazione e sicurezza delle RGV)
  • caratterizzazione delle RGV autoctone
  • utilizzazione e valorizzazione delle RGV autoctone di interesse agrario
  • realizzazione di inventari basati sul WEB

Azioni di accompagnamento

  • seminari, workshop, incontri tecnici e convegni
  • corsi di aggiornamento diretti ai coltivatori custodi
  • preparazione di rapporti tecnici
PARTNER COINVOLTI - BENEFICIARI
  1. Centro per la Ricerca Applicata in Agricoltura /Azienda Agricola Sperimentale Regionale Improsta (CAPOFILA)
  2. Università degli studi di Napoli Federico II - Dipartimento di Agraria
  3. Università degli studi di Salerno-Dipartimento di Ingegneria Industriale
  4. Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli - Dipartimento di Scienze e Tecnologie
  5. Ambientali Biologiche e Farmaceutiche
  6. Università degli studi del Sannio- Dipartimento di Scienze e Tecnologie
  7. Consiglio nazionale delle Ricerche -Istituto per il sistema produzione animale in ambiente mediterraneo-Istituto di Scienze dell’Alimentazione (CNR ISPAAM/ISA)
  8. Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria - Olivicultura, Frutticoltura, Agrumicoltura (CREA/OFA)
OBIETTIVI

Il progetto DiCoVaLe si pone i seguenti obiettivi generali:

  • Ricerca, individuazione, raccolta, accertamento delle RGV di specie frutticole autoctone.
  • Progettazione e realizzazione di una rete strutturale di conservazione in situ ed ex situ del materiale genetico precedentemente descritto mediante costituzione di banche di germoplasma, che includono gli agricoltori custodi ed altre istituzioni territoriali che vogliono aderire all’iniziativa (conservazione in situ) e la realizzazione di campi cataloghi dei fruttiferi, olivo e vite (conservazione ex situ). Duplicazione dei campi di collezioni in più istituzioni per una maggiore garanzia di
  • Descrizione morfo-funzionale degli ecotipi sulla base delle “Linee guida nazionali per la conservazione e la caratterizzazione della biodiversità vegetale di interesse per l’agricoltura” e gli standard UE in materia di descrittori morfofisiologici (UPOV).
  • Caratterizzazione agronomica, chimico-fisico, biochimica, genetica, enologica, per le RGV delle specie legnose da frutto autoctone. Standardizzazione ed uniformità delle singole analisi al fine di ottenere dati omogenei e confrontabili.
  • Recupero di materiale di moltiplicazione per le RGV autoctone presenti e loro conservazione e diffusione.
  • Partendo dal sito www.genidellacampania.it si prevede la sua implementazione e rifunzionalizzazione anche in previsione di nuove modalità di utilizzo e disponibilità delle informazioni trasversali per dispositivi consultivi diversi.
  • Uno dei temi centrali del progetto è quello di evolvere il database attualmente disponibile per la catalogazione delle caratteristiche delle piante verso un sistema software che metta a disposizione dell’utente un insieme di funzionalità a supporto della conservazione delle RGV in estinzione e all’identificazione di territori idonei alla loro conservazione. Oltre al miglioramento della base di dati attualmente disponibile e alla migrazione delle informazioni correntemente presenti, si procederà al suo arricchimento con le informazioni relative ad un insieme di caratteristiche aggiuntive in grado di caratterizzare le specie vegetali rispetto al contesto. Progettazione e realizzazione di un sistema informativo geografico mettendo in relazione le informazioni sulle singole accessioni provenienti dal database centrale con i dati ambientali al fine di definire una rete infrastrutturale territoriale e relazione (a diversi livelli di scala) delle risorse genetiche regionali conservate in situ ed ex situ.
  • Collegamento della rete della banca del germoplasma delle RGV Campane con altre istituzioni Nazionali e dell’UE. Scambi, utilizzazione e valorizzazione delle RGV autoctone di interesse agrario. Interfaccia di relazioni con altre istituzioni che posseggono inventari presenti sul Web.
  • Massima diffusione dei risultati mediante diverse forme di rappresentazione (convegni, seminari, workshops, meeting tecnici specifici, collegamento di reti di RGV). Corsi di aggiornamento per gli agricoltori custodi. Elaborazione della documentazione necessaria per l’iscrizione di RGV a:
    • Repertorio regionale - DRD n.102 del 14.04.2017 (pubblicato sul BURC n. 34 del 24.04.2017);
    • Registro nazionale delle varietà delle piante da frutto ammesse alla commercializzazione (art. 7 del D.lgs. 25 giugno 2010, n. 124 e Decreto MiPAAF del 4 marzo 2016 pubblicato su GU della Repubblica Italiana Serie generale n.85 del 12.04.2016).
  • Il progetto contiene anche accordi già sottoscritti con altri stakeholder (Aziende agricole, Enti parco, Comuni, Associazioni –ambientaliste, di promozione sociale e culturale, Organizzazioni agricole) interessati alla valorizzazione di RGV autoctone di specie frutticole.